La Borgata non sa più vincere: è débâcle a Ciampino. [A nulla è valso il gol di Mascioli]

Chissà chi è stato a pronunciare, o a tradurre da qualche legge chimica lavoisieriana, il detto per cui ogni azione ha una reazione. Un proverbio che potremmo applicare a qualsiasi azione umana, calcio compreso.
Il punto è che oggi non c'è stata alcuna reazione ma solo "azione" unilaterale da parte del Ciampino.
E dire che i pronostici c'erano tutti: la squadra era tornata di nuovo al completo con Poma tra i pali, Chimeri e Brigazzi in difesa, Di Stefano e Piccardi sulle fasce. 

Non è bastato.
La Borgata scende in campo esattamente come la scorsa settimana, in cui si scontrava (pareggiando) con l'altra squadra castellano-portuale (Ciampino City Futsal, che però gioca a calcio a 11).
E, quindi, com'è che è scesa in campo?
Con la testa fra le nuvole. 

Il Ciampino, viisibilmente scottato dalla trasferta contro il Torrenova di sette giorni fa, vuole rifarsi prima di subito e attacca immediatamente. Passano 12  minuti e De Maio sigla il primo gol della nefasta mattinata.
La Borgata inizia a complicarsi la vita inutilmente e le ripartenze lasciano scoperte enormi porzioni di campo: De Maio prova ad approfittare di un lancio lungo dalla propria difesa, grazie ad un pallone recuperato a seguito di una punizione granata, sarà solo la caparbietà di Segatori a far sì che si evitasse il peggio due minuti dopo. Evidentemente non è giornata: al 20' De Maio raddoppia con un gran tiro dalla distanza.
Poma non lo vede neanche partire e la partita si fa sempre più complicata.

I nostri sembrano tramortiti dalla doppia sberla incassata nei primi venti minuti di gioco. Le punizioni che Cicolò, Mascioli e Di Stefano provano a rimediare non vanno in porto e non riescono nell'intento di chi le calcia (entrambi i Mascioli's).
Al 45' l'episodio del 3-0. L'11 locale scatta ma è in fuorigioco, l'arbitro lo fischia all'altezza della linea mediana. Poma impugna il pallone fuori dall'area e lo calcia coi piedi, con l'intenzione di passarlo al compagno di squadra perché possa battere. Il passaggio colpisce accidentalmente Di Blasi, la porta della Borgata è ovviamente sguarnita: l'arbitro assegna il gol.
Così, senza che nessuno ci abbia capito nulla: il Ciampino segna il terzo gol. Un regalo pasquale fuori tempo massimo. Un regalo del/di Destino.
Il Direttore di Gara di oggi (Destino, della sezione di Roma1) la Borgata lo aveva già incontrato nello scorso campionato contro la Caput Roma XIV. Chissà perché avevo deciso di titolare il post così: "Travolti da un insolito Destino di una partita della Seconda Categoria Laziale". I presenti quel giorno si ricorderanno del pugno che Chieffo si buscò.

Nella ripresa la Borgata prova a farsi avanti più d'una volta: "vanno bene le giornate storte ma così: no!", sembrano dire all'unisono gli undici granata. Al secondo minuto una punizione di Mascioli trova il guizzo di Chimeri in area, ma il destro del difensore va oltre la traversa. Otto minuti dopo arriva il gol di Mascioli su calcio d'angolo. 

[In realtà il gol è stato di Moreno Mascioli: dalla tribuna ho avuto l'illusione che Piccardi l'avesse colpita di testa ma non è stato così. Grazie a SimoPic che me l'ha segnalato].
Al 16' Chimeri e Piccardi danno a tutti l'illusione di aver  imbroccato l'occasione buona per recuperarne un altro: è fuorigioco, secondo (il) Destino.
Al 22' Piccardi riesce in un'azione maiuscola, una delle sue in cui il compimento può essere solo la rete: Angeli riesce a sfiorare il pallone e devia in corner. Quattro minuti dopo una dormita colossale della difesa granata fa compiere un'azione corale stupenda al Ciampino: a Poma battuto insacca di testa Jaiteh. Al 46' arriva anche la beffa: altro svarione difensivo e 5-1.

Si può davvero gettare un campionato come questo, costantemente tra il secondo e il terzo posto, per aver ammainato anzitempo le vele? O tirato i remi in barca, il lettore scelga la perifrasi che preferisce. Forse no. Non è il caso. Mancano due giornate: Montedoro e Sempione stanno avvicinandosi al fortino granata del 3° posto.

Il campionato non è ancora finito!

Menzione speciale per i pasticciotti (maledettamente buoni e genuinamente leccesi) portati da Claudia

Il tabellino della ventottesima giornata di campionato | Seconda Categoria Laziale | Girone F

POLISPORTIVA CIAMPINO - BORGATA GORDIANI 5-1

MARCATORI: 12'pt De Maio (C), 20'pt De Maio (C), 45'pt Di Blasi (C), 10'st Mascioli M. (BG), 26'st Jaiteh (C), 46'st Di Blasi (C).

POLISPORTIVA CIAMPINO: Angeli, Galassi (23'st Balducci), Scala (33'st Russo), Carletti (36'st Del Monaco), Ciocci (33'st Jaiteh), Calvi, Rosadini, Matrullo, Marchitti Alessio, De Maio (23'st Cibuku), Di Blasi. PANCHINA: Marchitti Andrea, Aytano, Casalle.
ALLENATORE: Alessandro Ceccarelli

BORGATA GORDIANI: Poma, Capuzzolo (13'st Ciamarra), Segatori, Mascioli F. (38'st Amico), Brigazzi, Chimeri, Di Stefano (27'st Neri), Alfonsini (13'st Proietti), Cicolò (13''st Chiarella), Mascioli M., Piccardi. PANCHINA: Capuani, Colavecchia, Ienuso, Martucci, Amico.
ALLENATORE: Fabrizio Amico

ARBITRO: Destino (Roma1)

NOTE: ESPULSO a fine partita Capuani (BG). AMMONITI: 47'pt Chimeri (BG), 1'st Marchitti Alessio (C), 11'st Di Blasi (C), 47'st Angeli (C). ANGOLI: Pol. Ciampino 4 - 5 Borgata Gordiani. RECUPERO: 3'pt-5'st.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gli antifascisti a Torre Maura.

Sweet home Pacinotti

Borgata Gordiani avanti sul Sempione: decide Proietti - #Nonlosaiquantotiamiamo

Fotostorte production alla notte bianca del Liceo Francesco D'Assisi

Il calcio che vi piace è tutto finto