Col cuore in mano: la Borgata si prende tre punti a Moricone

«Vabbè, prof, ma quindi un pronostico su domenica?». Ormai nella III E la Borgata segna l'argomento di conversazione prima che si comincino le lezioni del sabato e del lunedì. Stavolta il pronostico era davvero difficile e gli ho semplicemente detto, mettendo le mani avanti ma scuotendo un po' la testa: «Vedremo come andrà, ma di una cosa sono certo: il Moricone non regalerà niente».   

Una constatazione piuttosto banale dato che all'andata il Moricone ha superato la Borgata tra le mura amiche del 'Vittiglio' per 3 a 1. La gara di andata con la compagine tiburtina ha sancito la prima sconfitta in campionato per i granata: passati in vantaggio su rigore, raggiunti al 39' della ripresa e poi superati dalla doppietta di Gilardi al 45' e 46'. In zona Borgata, come sempre. (Per chi volesse rileggere il post di quella partita basta che clicchi qui: https://sostienepiccinelli.blogspot.com/2022/11/stop-dimentica-finisce-1-3-al-vittiglio.html)

Stavolta però è tutta un'altra storia. Certo: ci sono Moreno e il Mister fuori dal rettangolo di gioco e pure qualche defezione tra gli undici scesi in campo, però la Borgata è appena uscita sconfitta col Montedoro e quel 0-2 ancora brucia. C'è poco da stare a discutere: «fare o non fare, non c'è provare».

"Senza spalti né gradoni"

Il grande parcheggio antistante al "Sante Aureli" ha le stesse dimensioni di un campo di calcio. Quando abbiamo notato che il campo vero non prevedeva alcun gradone, tribuna (per quanto piccola) o qualcosa di simile ad un posto presso il quale sostare per una 90ina di minuti per vedere la partita, abbiamo provato ad ipotizzare che quel parcheggio ospitasse il campo. I gradoni, infatti, davano sulle macchine parcheggiate. L'"Aureli" è di terra. E campo di terra significa linee di metà e fine campo tracciate alla bell'e meglio, scarpini che affondano nella terra battuta, durezza e caso. In che senso caso? Nel senso più letterale del termine: capita che il pallone rimbalzi come non avresti previsto o immaginato, succede che l'avversario riesca ad intercettare quel passaggio fondamentale a causa di un avvallamento del terreno e magari riesca a portare  la squadra a ridosso del portiere, il centravanti faccia gol e la partita cambia volto improvvisamente.

C'è chi storce le labbra, abituati ai modernissimi campi sintetici di cui ormai Roma trabocca, eppure anche questo è dilettantismo, agonismo, calcio popolare. 

Nel primo tempo la Borgata soffre l'iniziativa del Moricone: gli undici di Molinari (ma non er sambucone) vogliono imporre il proprio tempo e il proprio spazio alla partita. I ritmi iniziano ad essere alti fin dal primo quarto d'ora, quando cioè la squadra di casa si fa avanti al 16' con una punizione che impegna Capuani, degno sostituto di Poma per la giornata di domenica 19. Il gioco dei locali è molto duro: la classifica e il campo parlano chiari, c'è voglia di riscatto da entrambe le parti e c'è necessità di tornare a inanellare risultati utili. Al 20' Piccardi inizia a zoppicare a causa di un intervento di Pietrosanti. L'arbitro non sanziona, ma il nostro ha bisogno di tempo per riprendersi. Qualche istante più tardi è Mascioli iunior a cadere e a non rialzarsi: entra Cassatella, primo cambio della Borgata al 20' del primo tempo. I biancoverdi provano a sbloccare la partita attorno al 25': Maggi si fa vedere dalle parti di Capuani ma il tiro è angolato ma si spegne sul fondo; attorno al 30' un'altra azione corale trafigge la difesa granata ma trova l'opposizione di Capuani. L'occasione per la Borgata potrebbe arrivare su punizione: il tiro di Pompi è troppo debole e il portiere Giacobone non ha problemi nel raccogliere il pallone. Allo scadere della prima frazione, però, la partita si sblocca davvero: Santus calcia una punizione imprendibile per Capuani e le squadre tornano negli spogliatoi con il risultato di 1-0. 

Todo cambia

Le squadre tornano in campo consapevoli di dover dimostrare ancora tutto: niente è scritto, niente è a posto, tutto può ancora essere ribaltato. Nei primi dieci minuti la Borgata si fa vedere prima con una punizione di Mascelloni, su cui ci si accapiglia in un batti e ribatti (ma capire chi ha tirato e chi ha respinto è un'impresa ottica non da poco per un miope che era presente dietro l'altra porta). Di sicuro, l'ultimo tiro che ha impegnato il portiere locale è stato di Piccardi. Al 12' Di Stefano cade in area e si reclama per un calcio di rigore ma l'arbitro ammonisce il 7 granata, probabilmente per simulazione. Alla mezz'ora l'illusione che da' la Borgata è quella della stanchezza, ma è solo una 'fata Morgana': Proietti esce per fare posto a Chieffo e cinque minuti dopo arriva il pareggio granata. Sofferto, sudato, voluto: Di Stefano trafigge il portiere e riporta la partita in parità.

La Borgata capisce che deve puntare a far allungare - come si dice in queste occasioni - la squadra locale: le ripartenze di Di Stefano sono velenose per la difesa locale e, anzi, al 49' scapperà di nuovo tra le retrovie tiburtine 'rischiando' la doppietta. 

Finale da miocardite acuta

Manca poco. Cinque minuti di recupero. Su ogni pallone si lotta e su ogni iniziativa del Moricone la squadra ragiona: non c'è da perdere la testa, magari si prende qualche cartellino (come quelli di Chimeri e Segatori, pilastri imprescindibili della difesa granata). Gilardi, entrato al 19' per il Moricone, vorrebbe replicare la doppietta dell'andata ma Chimeri chiude ogni porta: i cinque minuti finali sono pieni d'agonismo, di durezza, di volontà da entrambe le parti. Capuani blinda la porta ospite e salva il risultato in due occasioni. E poi c'è il caso, l'ultima azione. Quella che le maestre delle elementari ti classificavano come ultima occasione della ricreazione per dare un calcio al pallone prima di tornare in classe e spiegare le tabelline. Calcio d'angolo, svetta Chimeri: gol, 1-2. Triplice fischio dell'arbitro. 

La Borgata torna a vincere e si prende la rivincita sulla partita d'andata, così storta e così infausta. I sostenitori locali si dissolvono in un attimo, i nostri si trattengono ancora qualche istante coi giocatori. «Quanto cazzo è bello vince, regà», Cicolò si avvicina alla recinzione ed è raggiante, Mascelloni stringe fortissimo Segatori, Piccardi è radioso. Vincere è facile, ribaltare la partita con questo piglio è granata. Pienamente granata. 

Il tabellino della diciannovesima giornata di campionato | Seconda categoria laziale | Girone F

MORICONE - BORGATA GORDIANI 1-2

MARCATORI: 46'pt Maggi (M), 35'st Di Stefano (BG), 51'st Chimeri (BG)

MORICONE: Giacobone, Peroni, Marroni, Antonelli, Santus (41'st Lucarelli), Tonelli E., Pietrosanti (19'st Gilardi) Tonelli M., Maggi, Pasquarelli, Felli PANCHINA: Zingaretti, Massimi, Benedetti, Pichetti, Cherubini. ALLENATORE: Federico Molinari

BORGATA GORDIANI: Capuani, Proietti (23'st Chieffo), Segatori, Mascelloni, Brigazzi, Chimeri, Di Stefano, Mascioli F. (20'pt Cassatella), Cicolò, Pompi (40'st Chiarella), Piccardi PANCHINA: Franco, Ienuso, Neri, Ciamarra, Martucci, Corciulo. ALLENATORE: (squalificato fino al 31/3/23)

ARBITRO: Francesco De Pascale (Roma 2)

NOTE: Ammoniti: 31'pt Antonelli (M), 12'st Di Stefano (BG), 28'st Mascelloni (BG), 33'st Pompi (BG), 43'st Segatori, 45'st Chimeri (BG), 46'st Lucarelli (M). Recupero 2'pt - 5'st (cinque minuti effettivi, sei realmente giocati). Angoli Moricone 3 - 4 Borgata Gordiani.



















Commenti

Post popolari in questo blog

Gli antifascisti a Torre Maura.

Sweet home Pacinotti

Borgata Gordiani avanti sul Sempione: decide Proietti - #Nonlosaiquantotiamiamo

Fotostorte production alla notte bianca del Liceo Francesco D'Assisi

Il calcio che vi piace è tutto finto