Di Stefano bussa due volte: la rimonta è granata

Poi, d'improvviso, mi sciolse le mani e le mie braccia divennero ali, quando mi chiese: "Conosci l'estate?" io, per un giorno, per un momento, corsi a vedere il colore del vento. 

Per tutto il pomeriggio il vento che ha soffiato sul "Vittiglio" e il cielo che ha abbracciato il campo è stato granata. Guardare al solo risultato tradisce (e non poco): gli occhi rimangono ingannati alla vista di quel 2-2 che farebbe presagire una sostanziale parità in campo
I numeri sono freddi e gelidi, come il clima di questi giorni, e non lasciano trasparire nulla della gioia di quel gol raggiunto al 41' della ripresa. Per una volta la zona-Borgata (ovvero quella fase della partita in cui per un nano-secondo gli undici granata staccano la spina della concentrazione e gli avversari pareggiano o vincono) si è verificata al contrario.
E mai felicità fu più grande. 

«Abbiamo dimostrato di valere», dirà mister Amico colmo di orgoglio al termine dei 90 minuti prima di entrare negli spogliatoi.

Partiamo subito col dire che la partita in programma tra Borgata Gordiani e Vis Casilina si preannunciava tutt'altro che semplice: i rossoblu sono l'unica squadra a non aver ancora mai perso uno scontro in undici giornate di campionato. Tanti pareggi, è vero, ma anche quattro vittorie: un punto in meno dei nostri e tanta qualità nel reparto offensivo e di metà campo. 

Presenze di sostanza
Il capitano ospite è un esperto Wladimiro Sbraglia: 44 anni di cui 25 passati a giocare a calcio. In carriera c'è tanto professionismo (Frosinone, Viterbese, Tivoli) ma anche dilettantismo (Lariano, Monterotondo, Lupa Frascati) e una presenza in A con la maglia della Reggina.
Tanto per dare una pennellata di quel che rappresenta la squadra di borgata Finocchio: il centravanti della Vis, Joshua, è stato componente attivo nelle rose giovanili della Lodigiani guidate da Santucci e Rivetta, entrambi nomi noti del dilettantismo laziale.

Sisifo è vivo e lotta insieme a noi
Il primo tempo preannuncia una partita "tiratissima": i ritmi sono sostenuti e il gioco colmo d'agonismo, se così si può dire. La Borgata inizia ad accusare le prime iniziative del duo Joshua-Marcelli e, proprio loro, imbastiranno l'azione del vantaggio a 9 minuti dal fischio iniziale dell'arbitro Notaro. 

Il centravanti in maglia gialla approfitta del cross di Marcelli e con un tocco che è sembrato essere morbidissimo, riesce a insaccare alle spalle di Poma. La Borgata accusa il colpo ma tiene la barra dritta: soffre e riparte. Al diciottesimo le cose iniziano a mettersi male: la punizione dal limite dell'area battuta dal veterano Sbraglia segna il 2-0 per la Vis Casilina. Gran tiro, potente, preciso, netto. Da professionista.

La strada è in salita e sembra che niente stia andando come dovrebbe. La Borgata inizia a farsi vedere al ventesimo, nella fase in cui la Vis sembra aver placato la fame per un istante: Pompi illude i presenti con un tiro dalla distanza che si stampa sul fondo

Un minuto dopo i granata riescono a recuperare almeno un gol: Di Stefano scappa via tra le maglie della difesa avversaria e batte il portiere con un delizioso pallonetto che beffa Mannella. 

Il pauperismo ci guida.

Menzione d'onore al banchetto per il pre-order delle felpe color grigio e granata: marketing aggressivo e d'impatto. Centralini e direct di Instagram in fiamme.

Borgata fenix
Il secondo tempo è stato il paradigma del calcio. C'è chi, molto più importante e rilevante di chi scrive, ha affermato come il calcio sia la rappresentazione della vita reale perché in 90 minuti contiene tutte le sensazioni che riesce a provare l'uomo: gioia, dolore, disperazione, tristezza, collettività, rabbia, frustrazione, rinascita. La ripresa della Borgata è una piena rinascita. Sa chiudersi e sa gioire, sa soffrire e ripartire: incassa le occasioni del tridente d'attacco della Vis Casilina che si fa avanti nel primo quarto d'ora. Maiuscola la prova di Cassatella che, a centrocampo, ha dovuto far fronte all'ingombrante presenza di Sbraglia.

Al diciannovesimo proprio Sbraglia ci riprova per una punizione da copia-conforme con quella calciata nella prima frazione di gioco ma Poma è stato insuperabile. Colpo di reni, palmo pieno della mano a mandare il pallone oltre la traversa. L'arbitraggio inizia a prendere una piega irreale e del tutto privo di senso, per dare un'idea: la prima punizione a favore della Borgata Gordiani è stata fischiata al 32' della ripresa

Di fronte alle asperità, però, il cuore granata non si svilisce e, anzi, si rafforza e riesce a dare più del massimo. Centouno percento. 

I presenti rischiano l'infarto più volte: al 34' Di Stefano tenta la rovesciata ma si spegne al lato sinistro della porta difesa da Mannella. La Vis si fa avanti, forte del risultato a favore ma i cambi del mister Pasquini, forse, non sono azzeccatissimi e al 41' un'azione corale porta Di Stefano alla doppietta. Per una volta la zona Borgata accade al contrario: pareggio al termine della partita. La tribuna esplode, il direttore di gara impazzisce per l'esultanza collettiva e ammonisce i Mascioli's, e Di Stefano, probabilmente per essersi arrampicati in cerca della folla festante. 

La Vis si allunga talmente tanto in cerca del terzo gol a tal punto che Belardi, superando l'ultimo uomo, si trova a tu per tu col portiere arrivato fin sulla linea mediana del campo ma inciampa e non riesce a regalare i tre punti ai suoi.
La beffa sarebbe potuta arrivare al 48', in pieno scadere: Romozzi si trova di solo davanti a Poma e deve solo scegliere l'angolo in cui mandare il pallone. Opta per il tiro più complicato e spedisce un morbidissimo tiro tra le braccia di Poma

Sospiro di sollievo, defibrillatori accantonati, abbracci e festa. Come quando si canta durante la partita: oltre il novantesimo, vada come vada.

E oggi è andata: risalendo la china, puntando alla vetta.

Il tabellino dell'undicesima giornata di campionato | Seconda Categoria Laziale | Girone F

BORGATA GORDIANI - VIS CASILINA 2-2

MARCATORI: 8'pt Joshua (VC), 18'pt Sbraglia (VC), 21'pt Di Stefano (BG), 41'st Di Stefano (BG).

BORGATA GORDIANI: Poma, Proietti (34'st Segatori), Mascioli F., Pompi, Mascelloni, Chimeri, Di Stefano, Cassatella, Ciamarra (38'st Belardi), Mascioli M., Chieffo (16'st Piccardi) PANCHINA: Franco, Zagaria, Brigazzi, Casavecchia, Corciulo. ALLENATORE: Fabrizio Amico.

VIS CASILINA: Mannella, Cacciamani, Panariello, Chicca, Pistillo, Marchetti (17'st De Palma), Marcelli F., Sbraglia, Joshua (28'st Romozzi), Capone (21'st Ricci), Ciferri (35'st Bornivelli) PANCHINA: Di Paolo, D'Antimi, Pochesci, Marcelli A., Vespa. ALLENATORE: Stefano Pasquini.

ARBITRO: Vincenzo Notaro (Roma1).
NOTE: Ammoniti: mister Amico al 45'pt per proteste nei confronti del Direttore di gara, 11'st Capone (VC), 32'st Pompi (BG), 39'st Mascelloni (BG), 42'st Mascioli F. (BG), 42'st Mascioli M. (BG), 42'st Di Stefano (BG). Recupero: 1'pt - 4'st.

Le foto, come al solito, sono quelle di Elisa. Manco a dirlo più ormai.












[easter egg delle 16:41 di lunedì 23 gennaio]

Classifica marcatori Borgata Gordiani all'undicesima di campionato


Giocatore

Gol

Di Stefano

4

Mascioli Moreno

4

Cassatella

2

Ciamarra

2

Piccardi

2

Pompi

2

Chiarella

1

Proietti

1

Zagaria

1


Giocatore

Gol

Di Stefano

4

Mascioli Moreno

4

Cassatella

2

Ciamarra

2

Piccardi

2

Pompi

2

Chiarella

1

Proietti

1

Zagaria

1


Commenti

Post popolari in questo blog

Gli antifascisti a Torre Maura.

Sweet home Pacinotti

Borgata Gordiani avanti sul Sempione: decide Proietti - #Nonlosaiquantotiamiamo

Fotostorte production alla notte bianca del Liceo Francesco D'Assisi

Il calcio che vi piace è tutto finto