Post

Visualizzazione dei post da 2015

La variegata galassia calcistica capitolina all’alba del XX secolo: 1907–1927

Immagine
Prima che il lettore inizi a leggere questo articolo è bene che sappia una cosa: per capire queste poche righe dovrà avere una capacità elevata di astrazione dal contesto cittadino (e calcistico) in cui è inserito. Scorrere con gli occhi date come 1911 o 1915 fa pensare ad epoche lontanissime ma che, per la verità, così remote non sono. L’unico dato di cui, come prima detto, bisogna assolutamente tener conto è la considerazione di come la Roma presa in esame non è quella odierna e lo dimostra bene il fatto di come si dovesse camminare per quattro chilometri per vedere la propria squadra: l’Audace Roma, ad esempio, bianco e rosso i colori sociali e uno stadio che evoca tutto un altro approccio allo sport, il ‘Motovelodromo Appio’.  Perché partire, delle ben otto squadre citate nelle pagine precedenti, proprio dai biancorossi dell’Audace?  Per due buoni motivi: il primo è quello che lega la squadra allo stabilimento in cui disputa le proprie partite (e in cui giocherà due stagioni l’A.S.

Il Partito Repubblicano Italiano dopo il suo quarantasettesimo congresso

Immagine
Originariamente questo post venne pubblicato su Sinistraineuropa.it, ma ora il link di reindirizzamento non funziona più. Lo ripubblico ora [20/09/2022], andando ad ampliare la sezione del "Deposito bagagli". Nella versione originale c'erano foto di quell'assemblea e un crogiolo di ipertestuali di cui ora ne funzionano solamente due, ma tant'è.  L’otto marzo si è chiuso il Quarantasettesimo congresso nazionale del Partito Repubblicano Italiano . Il Pri, quel partito con quel simbolo mai mutato e mai cambiato nel corso del tempo, così come la falce e martello per i comunisti. I Repubblicani hanno attraversato lunghi periodi e fasi non molto serene della politica italiana e il congresso dell’edera, quarantasettesimo, ha visto un partito non in buona salute, per la verità: la prima diaspora repubblicana, dopotutto, s’è consumata anni fa quando, dopo l’esperienza elettorale del ‘Patto-Segni’, l’area di Gawronski e Verdini avrebbe approdato a Forza Italia, la component