Post

Visualizzazione dei post da settembre, 2018

L'esodo dal Venezuela e l'esodo dall'Italia: il secondo è decisamente maggiore

Immagine
È ricominciato il cortocircuito mediatico sul Venezuela, certamente più silenzioso di mesi e anni fa in cui si mostravano foto false, si millantavano scontri pacifici e si attribuivano morti a una sola parte politica vittimizzata rispetto a quella statale. Più silenzioso ma non meno grave. In questi giorni si parla moltissimo di esodo dal Paese: le fonti giornalistiche indicano a 870mila il numero di residenti venezuelani in Colombia  (circa tremila al giorno), numero buttato un po' a caso dato che non si spiega in quanto tempo siano migrati questi nuovi residenti, ma certamente ne si conosce la provenienza, come ha spiegato il Vescovo della diocesi di Trujillo , dallo stato del Tàchira, confinante con la Bolivia. (In ogni caso, la Mision Verdad  smonta pezzo per pezzo i numeri della crisi venezuelana: qui: http://misionverdad.com/la-guerra-en-venezuela/cifras-de-acnur-y-la-oim-desmontan-la-crisis-de-refugiados-venezolanos .) L'altissima emigrazione: Italia batte Venezuela C&#

Non-comprendere che Salvini e di Maio non sono antieuropeisti è (molto) grave

Immagine
fonte foto: Ansa Una cosa mi inquieta particolarmente: la non-comprensione dei fenomeni politici, anche di quelli più elementari, tanto da parte della generazione dei nostri padri (i nati fra gli anni '50 e '60 del novecento), passando per i cosiddetti quarantenni , arrivando fino ai miei coetanei. È il lascito della cosiddetta fine delle ideologie degli anni '90, decretata da chi ha voluto uniformare il pensiero capitalista e del mondo occidentale, a cui la sinistra ha dato il proprio servile consenso, a partire dalla Bolognina, arrivato fino ad ora con Matteo Renzi che si è dichiarato a più riprese liberista di sinistra .  L'aver posto fine alle ideologie in ambito politico ha significato un appiattimento al pensiero unico del Capitale, finendo così per avere varie posizioni più o meno liberiste da parte di tutti gli schieramenti parlamentari (ad esempio), più o meno accondiscendenti riguardo i trattati che regolano la politica europea, più o meno d'accordo sulle