Post

Visualizzazione dei post da giugno, 2018

Una gran bella faccia o un numeroso gruppo di seguaci di Epimeteo (*)

Immagine
Sabato, pomeriggio fortunatamente non torrido come l'estate impone. Controllo le e-mail e una  in particolare cattura la mia curiosità: l'oggetto recita «Appello 2018». Clicco: «Lettera aperta a Stefano Fassina». 'Annamo bene,' penso soralellisticamente . Trattasi di una mail inviata ad uno sconosciuto, ma si presuppone imponente, numero di destinatari ignari (compreso il sottoscritto) contenete una lettera firmata da un vasto numero di attivisti, giornalisti ed aderenti a vario titolo alla vasta e complessa area della sinistra romana e laziale. I firmatari chiedono, attraverso la formula della lettera aperta al Consigliere comunale, Deputato, già candidato Sindaco, Stefano Fassina (come si può intuire, dunque, figura una e trina), le dimissioni in favore di Sandro Medici, che subentrerebbe al posto dell'ex PD. Al netto di affermazioni fallaci e risibili atte a giustificare la lettera, quali la convinzione dei firmatari di considerare la lista kaleidoscopio  Sinistr

Bangladesh: proteste a seguito dell’uccisione di Shahjahan Bachchu

Immagine
Articolo pubblicato su Pressenza L’11 giugno 2018 è stato ucciso  Shahjahan Bachchu  nel villaggio di  Kakaldi , nei pressi di  Dacca , capitale del Bangladesh. Promotore del secolarismo, era scrittore, attivista e dirigente del Partito Comunista bengalese ed editore progressista: era a capo della casa editrice Bishakha Prokashoni. Non è la prima volta che in Bangladesh si uccidono editori, scrittori o letterati,  come ha riportato ‘India Today’ :  «Non si tratta del primo episodio di attacchi e uccisioni di blogger, scrittori o editori del Bangladesh. Circa tre anni fa un altro editore, Faisal Arefin Dipon, proprietario di Jagjit Prakashan, fu assassinato. Il 31 ottobre 2015, Dipon è stato ucciso nel suo ufficio al Super Market di Shahbagh Aziz, dopo aver pubblicato il libro del blogger Abhijit Roy. Abhijeet, poi, è stato ucciso in un attentato terroristico nel febbraio dello stesso anno. Dopo Avijit, i blogger Niladri Niloy, Ananta Bijay Das e l’attivista digitale Wasikur Babu sono s

Reddito di sudditanza

Immagine
Il reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle è diventato lo scalpo da agitare dinanzi agli elettori che parrebbero iniziare a storcere la bocca di fronte all'alleanza con Salvini. Neanche troppi per la verità, ma in momenti di magra elettorale meglio tenersi buoni anche le piccole sacche di elettorato. Il grande mantra del pentastellismo militante , tuttavia, incontra ripetutamente ostacoli proprio a causa di quell'alleanza di cui sopra: la trazione leghista del Governo è evidente, altrimenti non si spiegherebbe il ruolo così rilevante in un esecutivo di un partito arrivato, comunque, sotto al 20% a livello nazionale.  È molto difficile, per chi scrive, comprendere come un governo venga detto "del cambiamento" con ministri berlusconiani e leghisti e dall'altra una forza politica certamente opportunista ma che ha fondato il suo consenso proprio sulla contrapposizione corruzione/legalità, dove il primo termine di paragone è rappresentato in primis dalle forze

Ci sarebbe da ridere...

Immagine
Si dice ultimamente che non si deve guardare all'ideologia, o pensare ideologicamente a qualcosa, perché essa è foriera di slogan e non di proposte concrete. Lo dice il Movimento 5 stelle fin dalla sua fondazione, tanto che l'espressione «né di destra, né di sinistra» è entrata nel frasario di chiunque simpatizzi o militi nel movimento. Lo dice la Lega, già Lega Nord, che bisogna guardare «alle cose concrete». Lo dice, ovviamente, anche il PD. Se mi mettessi a cercare bene nei comunicati stampa pre-elettorali sono sicuro che riuscirei a prendere anche una dichiarazione di LeU (sempre che esista ancora), di Fratelli d'Italia o Sinistra Italiana in cui ognuno di essi si dice postideologico . Oltre l'ideologia, ovvero: adesione totale al pensiero dominante. Lo stesso Salvini, il 2 maggio, in visita a Euroflora , riguardo la formazione del governo, se ne uscì con «saremo un governo liberale e democratico» (dal 12:30  https://www.radioradicale.it/riascolta?data=2018-05-02 ).